Ginecologia ed Ostetricia

Eroghiamo le seguenti prestazioni:

  • Visita ginecologica
  • Visita senologica ed ecografia al seno
  • Pap test
  • Ecografia transvaginale o sovrapubica
  • Tampone vaginale
  • Assistenza alla gravidanza fisiologica
  • Rieducazione del pavimento pelvico femminile e maschile
  • Trattamento e prevenzione del trauma con il metodo Somatic Experiencing®

Equipe

Dott. COVI GIORGIO
Laureato in Medicina e Chirurgia.
Specializzato in Ostetricia e Ginecologia

Dott.ssa PADOVANI ANTONELLA
Laureata in Medicina e Chirurgia.
Specializzata in Ostetricia e Ginecologia

  • Prenotazione telefonica

    Per prenotare il servizio e per maggiori informazioni chiama il:

  • Prenota ora online

    Si prega di lasciare vuoto questo campo.
    * campo obbligatorio

    Sarete contattati via telefono o e-mail, per le informazioni o prenotazioni richieste.


Approfondimenti: GINECOLOGIA

La Ginecologia è quel ramo della medicina che si occupa della fisiologia e della patologia dell’apparato genitale femminile e di tutto ciò che riguarda le problematiche relative alla sfera riproduttiva.

Approfondimenti: IL PAVIMENTO PELVICO

Il pavimento pelvico è stato da sempre ignorato per ragioni di varia natura.
Per comprendere meglio è la zona che appoggiamo sulla sella della bicicletta. Un’area con la quale generalmente non si instaura quel rapporto quotidiano e spontaneo di consapevolezza e contatto che invece si stabilisce con una mano piuttosto che con una gamba.

Quella del pavimento pelvico rappresenta di fatto sia la regione chiave della defecazione che quella della sessualità. Molteplici pudori sociali e tabù culturali hanno quindi contribuito a renderla ancora più rimossa e dimenticata.

È un insieme di legamenti e fasce muscolari di tipo volontario ed involontario che chiude in basso il bacino.

Esso svolge le seguenti importanti funzioni:
– Aiuta a mantenere la statica pelvica dell’addome.
– Contribuisce a mantenere in sede i visceri pelvici (vescica, uretra, utero e retto).
– Contribuisce a contenere feci, urine e gas.
– Permette, o impedisce, il passaggio del bambino durante il parto.
– Contribuisce ad amplificare il piacere durante i rapporti sessuali.

A causa della scarsa, spesso nulla, coscienza e conoscenza di questa muscolatura, la donna non la mantiene tonica
ed elastica come altri muscoli del corpo.

Un pavimento pelvico deficitario comporta l’alterazione di una o più funzioni sopracitate, con conseguenze spiacevoli nella vita sessuale e generale della donna. Nella sessualità è attribuito un importante compito alle contrazioni perineali durante la fase motoria dell’orgasmo, sebbene sia possibile comunque il raggiungimento dell’orgasmo, in presenza di un deficit della muscolatura perineale, grazie ad una buona stimolazione del punto G.

Un ruolo invece di grande rilievo la muscolatura perineale, lo riveste nell’accoglimento del partner. L’ipertono vaginale rende difficile la penetrazione, rendendo i rapporti sessuali dolorosi.

Vi sono condizioni che favoriscono un’alterazione delle funzioni suddette e sono in modo particolare: la gravidanza, il parto, la menopausa, l’obesità, la stitichezza, l’eccessivo allettamento, oltre a diverse professioni a rischio (sportive, danzatrici, infermiere, parrucchiere,ecc…).
Il parto in particolare provoca un ruolo fondamentale nella genesi del prolasso (discesa di un viscere dalla propria sede) e nell’incontinenza urinaria da sforzo.

In età giovanile
Durante quest’età, specie con le prime esperienze sessuali, le donne incorrono spesso in patologie quali:
– Vaginiti e cistiti ricorrenti e recidivanti
– Stitichezza
– Dispareunia: dolori nei rapporti sessuali
– Anorgasmia: mancanza dell’orgasmo
– Mancanza o diminuito desiderio sessuale
Questi disturbi sono spesso associati ad un ipertono della muscolatura sessuale.
Imparare a rilassare questa muscolatura è altrettanto importante quanto imparare a contrarla per tonificarla.
In questi anni ho visto guarire vaginiti e/o cistiti ricorrenti che non rispondevano a nessuna terapia.

Inoltre, non ho dubbi nell’affermarlo, a qualsiasi età la donna prende coscienza del proprio potenziale, la risposta è sempre di aumentato benessere sia fisico che emotivo.

Ho visto spessissimo ritornare il sorriso in volti di donne sfiduciate, con un forte senso di vergogna ed autostima ridotta ai minimi termini.

Il perineo, è l’organo centrale della salute femminile, con le sue capacità dinamiche, emozionali,creative, fisiologiche sempre diverse nei vari momenti e cicli della vita di una donna.
Parte delicata, vulnerabile, ma anche forte e potente, portale verso il mondo, base dell’autostima,con funzioni di apertura, ricettività e dono di sè, come di chiusura, contenimento, difesa, energia. Come soggetto da trattare, riabilitare, si sottrae spesso alla meccanica terapeutica.
Vuole essere considerato insieme ai suoi “dintorni”, con rispetto e attenzione, in quanto funziona solo dall’interno.
Non si riabilita solo il perineo ma la donna nel suo insieme.

In gravidanza
Aver coscienza del proprio perineo diminuisce nella donna la paura del parto e della lacerazione. Durante il parto si avranno meno problemi per l’espulsione del bambino. Si ricorrerà in modo minore all’episiotomia (apertura chirurgica dell’ostio vaginale) e si ridurranno le lacerazioni gravi. La donna è più cosciente di come e dove direzionare la spinta per far nascere il suo bambino riconoscendo l’importanza del respiro e del rilassamento.
Impara a conoscere ed usare questo diaframma che lavora in stretta collaborazione con il diaframma toraco-addominale ed il sistema fasciale situato nella gola. Inoltre acquisisce un mezzo per conservare la sua integrità con la consapevolezza di quanto è importante questa parte del suo corpo. Tutto ciò le sarà utile anche per il dopo parto ed in tutti gli altri momenti della sua vita.

In menopausa
INCONTINENZA URINARIA
Si calcola che già nell’età del climaterio (40-55 anni) le donne incontinenti siano circa il 40%,con peggioramento del quadro clinico e sintomatico con l’avanzare dell’età.
La FINCO (Federazione Italiana Incontinenti) stima che 6 milioni di italiani, 4 milioni donne, soffrono di incontinenza di varia gravità.
Fino a qualche anno fa la risposta era solo farmacologica o chirurgica, ma oggi molto si può fare con la riabilitazione perineale. La presa di coscienza e la riabilitazione possono risolvere completamente il problema o almeno in parte.
La distinzione sta nel momento in cui si arriva alla riabilitazione.

PROLASSO DI UTERO E/O VESCICA
ll prolasso vaginale consiste nella discesa verso il basso e talvolta fuori dall’introito vaginale di una o più strutture pelviche, fondamentale la prevenzione per non incorrere in un’ intervento chirurgico.